Agricoltura

La letteratura antropologica ritiene che la scoperta dell’agricoltura sia stata, per l’umanità, il vero momento di evoluzione dell’intera specie e, soltanto, il lavoro della terra ha consentito, agli uomini ed alle donne, di edificare le fondamenta della civiltà. Nell’insegnamento di tale asserto, Dieci Volte Meglio ritiene che l’agricoltura possa costituire un’occasione di sviluppo per il Paese e vuole, pertanto, investire sulle politiche agricole che, per vocazione e per capacità, caratterizzano l’intero popolo italiano.

 

Per raggiungere l’obiettivo ideale, Dieci Volte Meglio vuole promuovere lo sviluppo e l’innovazione dell’agricoltura mediante:

un forte l’impulso alla ricerca ed alla valorizzazione delle produzioni e delle tipicità italiane;
l’introduzione dell’agricoltura digitale per migliorare i processi produttivi e costi operativi, valorizzare il prodotto con informazioni di filiera (qualità, tipicità, territorio) e garantire la tracciabilità;
l’accesso al credito e sviluppo di strumenti finanziari specializzati e forme assicurative per i rischi atmosferici e di mercato;
programmi di supporto alle iniziative per le Startup innovative nel settore.
Inoltre, Dieci Volte Meglio vuole incrementare l’integrazione di filiera al fine di rendere l’agricoltura più protagonista. In tal senso, vuole:

aprire all’innovazione digitale e organizzativa per consentire una maggior proiezione verso i mercati, sia per le produzioni alimentari sia per una valorizzazione del territorio presso le comunità di consumo e utilizzo del beni/servizi.
favorire aggregazioni di soggetti lungo la filiera completa (produzione, trasformazione e distribuzione) che valorizzino le tipicità e garantiscano equilibrio e redditività lungo l’intera filiera agroalimentare;
creare un sistema di gestione della frammentazione;
favorire lo sviluppo agricolo delle filiere innovative (es. nutraceutica, farmaceutica, cosmetica).
Sostenere lo sviluppo all’Estero

Dieci Volte Meglio vuole sostenere lo sviluppo dell’agricoltura italiana all’estero con:

un presidio attento dell’italianità e degli interessi delle nostre produzioni nelle politiche comunitarie, incentivando e valorizzando le politiche di interscambio internazionale;
la tutela e lo sviluppo dell’offerta dei prodotti italiani (marketing, tutela, diffusione), sviluppando iniziative logistiche e commerciali di supporto alla conoscenza e alla distribuzione dei prodotti italiani all’estero;
la promozione di forme aggregative e/o reti d’impresa per l’internazionalizzazione;
lotta alla contraffazione e la tutela legale del Made in Italy agroalimentare;
tracciabilità degli alimenti. E’ necessario l’indicazione delle origini delle materie prime in etichetta per la tutela del consumatore e al tempo stesso dei produttori italiani.

Semplificare e digitalizzare le istituzioni

Dieci Volte Meglio vuole semplificare e digitalizzare le istituzioni dell’agricoltura italiana con:

l’attuazione di politiche nazionali e locali coerenti tra territorio, ambiente e impresa;
la semplificazione degli adempimenti burocratici ed istituzionali e riorganizzazione degli enti istituzionali dedicati, con particolare riferimento agli enti pagatori e alla gestione dei programmi comunitari;
l’evoluzione verso una amministrazione digitale che elimini le intermediazioni parassitarie.
Gli obiettivi quantitativi sono: la creazione di circa 300.000 posti di lavoro nella filiera in tre anni e la riduzione del 70% dei tempi di erogazione dei fondi alle imprese.