Gruppo Promotore

La passione come elemento comune

Scopri la squadra

10 Volte Meglio è un progetto politico promosso nell’ottobre del 2017, da imprenditori, manager e professionisti impegnati nel mondo delle start-up e dell’innovazione che non si sentono rappresentati dai partiti.
10 Volte Meglio non sarebbe mai nato come progetto politico se le intuizioni dei fondatori, basate sulla esperienze personali nel mondo dell’impresa, delle professioni, della ricerca e dell’istruzione, non fosse stata sostenuta da una attenta analisi degli indicatori di performance dell’Italia in settori strategici.

Per quanto l’indirizzo politico sia impostato su un approccio etico, volto a conseguire il benessere e la felicità delle persone, il partito sposa un metodo scientifico come base fondamentale ed inderogabile per indirizzare la scelta di adozione di qualsivoglia proposta civica.

L’elemento comune a tutti i membri fondatori di 10 Volte Meglio è la passione, nutrita dall’esperienza di progetti tecnologicamente innovativi con la convinzione che l’impatto potenziale di una applicazione corretta delle risorse emergenti, nella vita quotidiana e nel mondo, possa determinare una onesta e corretta evoluzione globale.

Il programma include l’incentivazione di investimenti privati e la creazione di poli di specializzazione tecnologica, come la robotica e l’intelligenza artificiale, le biotecnologie, le nanotecnologie, le infrastrutture informatiche da distribuirsi in tutto il Paese.
Un ecosistema composto da formazione, nuove imprese ed infrastrutture che avrà il mandato di coniugare una rinnovata efficienza con le sinergie delle risorse locali, per estendere la propria influenza oltre il territorio nazionale.

Per la sua convinzione tecnologica unitamente agli altri componenti del movimento 10VM, tra le priorità del movimento emerge la realizzazione di una leadership tecnologica, puntando in pochi anni ad un programma ambizioso: rendere l’Italia la Silicon Valley d’Europa.

Enrico Maria Bozza

Presidente
Leggi di più

Enrico Maria Bozza

Presidente

Di origini sannite, dopo la maturità classica, ha proseguito gli studi a Roma fino ad abilitarsi all’esercizio della Professione Forense che, tutt’oggi, svolge limitatamente al campo d’applicazione delle scienze criminali. Allievo dell'indimenticabile Avvocato Titta Madia, ha fatto tesoro del Suo prezioso insegnamento e della Sua grandezza morale sia in ambito professionale che umano. Romano d’adozione, già durante gli anni universitari ha collaborato col quotidiano nazionale L’Umanità e ha condotto un programma radiofonico di informazione politica sulle frequenze di BBS Master Radio. Convinto dalle potenzialità dell’innovazione digitale, in tempi recenti, è stato tra i fondatori di una startup per lo sviluppo, la formazione e l’applicazione del paradigma della blockchain sui massimi sistemi organizzativi. Per la sua convinzione tecnologica unitamente agli altri componenti del movimento 10VM, tra le priorità del movimento è stato inserito la realizzazione di una leadership tecnologica con la valorizzazione dei componenti qualitativi del Paese, puntando in pochi anni ad un programma ambizioso: rendere l'Italia la Silicon Valley d'Europa. È stato il promotore, nel 2014, della proposta di un Referendum nazionale per la Libera Difesa per chiedere l’abrogazione dell’art. 55 del Codice Penale al fine di legittimare, sempre, la difesa del cittadino sia personale che dei propri beni. Ha coltivato l’idea di girare il mondo alla ricerca delle misteriose prove del passato tanto da aver frequentato la facoltà di archeologia biblica. Studia le dottrine teologiche per nutrire la passione delle impenetrabili profondità argomentative religiose. Adora la musica e vanta una considerevole collezione di dischi in vinile. Ama la natura e in particolar modo gli animali, condividendo la propria casa con due magnifici pastori tedeschi.

Stefano Ciccarelli

Segretario Giovani
Leggi di più

Stefano Ciccarelli

Segretario Giovani

Sin da piccolo appassionato di Tecnologia, Scienze e Politica. per le quali crescendo ha scoperto di avere una vera e propria indole naturale, manifesta un crescente impegno politico sin dai tempi del liceo, dove insieme ad un gruppo di amici si riunisce regolarmente davanti ad un buon caffè per affrontare dibattiti stimolanti sull'evoluzione dell'economia e della società, accrescendo uno spirito critico sempre più evidente anche negli elaborati letterari a favore della legalità e dell'impegno sociale come mezzo di mobilitazione ed elevazione sociale. Ferreo sostenitore dell'istruzione come mezzo di riscatto individuale e collettivo, all'età di 19 anni compone l'opera letteraria "Il Manifesto della Geniocrazia", dove sostiene, lanciando una provocazione, la necessità di incentivare i giovani a proseguire il percorso universitario o formativo tramite un vero e proprio "Reddito di Formazione". All'età di 18 anni si trasferisce per fini di studio a Roma, presso l'università Luiss Guido Carli, dove studia Economia e Management con specializzazione in Imprenditorialità, Innovazione e Tecnologia e con una tesi in Tecnologie Digitali con focus sui Mercati Finanziar. Praticando il Lifelong Learning, crede che è necessario imparare, senza auto-limitarsi, ben oltre i concetti appresi negli istituti formativi, per questo motivo ha una libreria i cui argomenti spaziano in qualsiasi disciplina e di cui adora parlare volentieri con chiunque. La cosa che più adora è mettere in pratica e testare le proprie conoscenze ed abilità per provare sempre a migliorarsi, senza preoccuparsi troppo di sbagliare o di fallire. Dicono di lui che "pensa troppo", il motivo principale è la sua indole per il problem solving, che lo spinge a cercare di risolvere i problemi più complessi di chiunque gli chieda una mano ricercando la soluzione più semplici e facile da raggiungere.

Edoardo Colombo

Edoardo Colombo

Giammarco Coviello

Giammarco Coviello

Giancarlo De Berardinis

Leggi di più

Giancarlo De Berardinis

L’impulso primario che mi ha spinto ad aderire con passione al progetto di 10 Volte Meglio, è la consapevolezza di contribuire in modo attivo al cambiamento dell’Italia verso un futuro che possa “rigenerare” l’orgoglio di appartenere alla culla della civiltà e di essere nuovamente il “faro” da seguire verso un nuovo progresso digitale e umanistico. Nato a Roma nel 1964, inizio a lavorare nel settore delle telecomunicazioni nel periodo universitario, contribuendo all’ammodernamento delle reti di telecomunicazione di importanti istituzioni pubbliche e private. Dopo una significativa esperienza manageriale in uno dei principali player di telecomunicazioni nazionale ed internazionale, ho co-fondato e dirigo una Società che offre soluzioni integrate nel mondo delle telecomunicazioni e della sicurezza informatica. L’incontro con i fondatori di 10 Volte Meglio è stata la spinta definitiva ad impegnarmi attivamente per cambiare lo status quo imperante da decenni in Italia.

Riccardo Del Nonno

Leggi di più

Riccardo Del Nonno

Manager ma si definisce intrapreneur perché vuole portare la cultura imprenditoriale delle startup in Azienda. Fin dall'inizio della carriera insegue infatti la passione per l'innovazione lasciando un impiego in banca per uno stage in una startup, dove sviluppa una linea di merchandising di successo per poi passare ad occuparsi da 15 anni di business development, di marketing e comunicazione in aziende di livello internazionale. Perfeziona la formazione nel Master in Innovation Mangement e collabora assieme a startup innovative. Inventa la "cassetta elettronica per pacchi" depositando il brevetto alla base della startup che crea la cassetta postale 2.0. Vincitore del “Lean Startup Program” di Peekaboo, prima competition di pre-accelerazione del Lazio e una delle principali a livello nazionale. Nel 2014-2015 inizia a dedicarsi alla formazione dei ragazzi laureandi e neolaureati collaborando a corsi universitari, effettuando lezioni su gamification e tecniche promozionali innovative. Perché crede che il cambiamento e il futuro dipendono soprattutto da un modello di educazione volto all’innovazione: l'unico modello che metterà i giovani in grado di affrontare gli impegni professionali di domani. Crede che la nuova mentalità imprenditoriale dello startupper è l'energia del futuro e può favorire l'occupazione e l'autoccupazione dei giovani. L’impegno civico lo porta a fondare un comitato di quartiere ed ad impegnarsi per favorire il dialogo tra istituzioni locali e cittadini. E’ mentor e advisor di startup innovative Vuole collaborare al cambiamento per creare un'Italia 10 volte meglio

Filippo Di Costanzo

Leggi di più

Filippo Di Costanzo

Avvocato, con più di trenta anni di esperienza professionale, diploma classico, Master Un. in Diritto dell’Ambiente, ha improntato la propria formazione professionale allo studio del funzionamento della Pubblica Amministrazione, sperimentando anche pragmaticamente le proprie conoscenze nel ruolo di consigliere comunale per circa 20 anni. Una conoscenza della Pubblica Amministrazione a tutto tondo che lo porta a sostenere la necessità di un cambiamento radicale dell’organizzazione della macchina amministrativa pubblica, senza cui il Paese, e soprattutto il Mezzogiorno, non potrà modernizzarsi e stare al passo con gli altri Paesi dell’UE. Una conoscenza approfondita delle tematiche ambientali e dei Beni Culturali lo impegnano nel progetto di “10 Volte Meglio” per lo sviluppo di una “economia green” e sostenibile del nostro Paese.

Sara Di Cunzolo

Sara Di Cunzolo

Danilo Di Domizio

Leggi di più

Danilo Di Domizio

Sogna un’Italia capace di gestire il cambiamento in atto e non di subirlo, un’Italia in cui ogni individuo possa tentare strade diverse senza che gli inevitabili fallimenti lo fermino e senza che inutili ostacoli burocratici lo rallentino. Ecco perché si trova in sintonia con il team di 10 Volte Meglio: vuole una società aperta, matura e responsabile in cui i cittadini abbiano gli strumenti economici e intellettuali necessari a mitigare gli squilibri sociali. Ha 45 anni e si è laureato in Scienze Economiche e Bancarie all’Università di Siena. Nel 2001 ha conseguito un master in Gestione Integrata d’Impresa al Cuoa, il Centro Universitario di Organizzazione Aziendale di Vicenza. Nello stesso anno ha iniziato la sua carriera nel settore della consulenza direzionale lavorando per società di primo piano come Accenture, Arthur D. Little, Valdani Vicari & Associati, fino ad arrivare a ricoprire un ruolo dirigenziale. Nel corso della sua esperienza professionale ha lavorato per clienti italiani e stranieri leader nei settori del Financial Services, Automotive e Telecomunicazioni, maturando significative competenze in ambito Strategia & Organizzazione e specializzandosi nella gestione ed esecuzione di progetti complessi. Tra questi integrazioni post fusione, ottimizzazione di strutture organizzative, implementazione di piani di sviluppo. Appassionato delle nuove tecnologie e della “collaborative economy”, dal 2009 si occupa inoltre di iniziative digitali per lo sviluppo delle piccole e medie imprese. Al momento, oltre a rivestire il ruolo di advisor per alcune piccole imprese, sta gestendo lo start-up di due iniziative, una delle quali (ExportFriends.com) ha già preso vita. CONTATTI Danilo Di Domizio danilodidomizio@yahoo.com 347 8139573

Nicola Francioni

Nicola Francioni

Lucio Gomiero

Lucio Gomiero

Dario Petrone

Leggi di più

Dario Petrone

Dario Petrone 27 anni Foggiano è CEO di DTG GLOBAL ENERGY SRL azienda da lui fondata nel 2012 attiva nel campo dell'edilizia pubblica e privata, efficientamento energetico, in passato ha lavorato come Direttore del Dipartimento Giovani dell'ADA "African Diplomatic Academy" e nel 2014 ha organizzato il meeting tra il Presidente dell'Ada e il ministro del Sociale ECOWAS (Economic Community of West African State) ad Abuja in Nigeria su temi di Social Impact Business, ha sviluppato una tesi per i problemi della proprietà privata in Africa e pensa che per risolvere la povertà bisogna usare i modelli dell'economia collaborativa e del leasing sociale. Ha viaggiato e vissuto in vari Paesi del mondo, Africa Occidentale ( Costa d'Avorio, Nigeria, Togo, Congo), North Africa ( Marocco, Libia, Tunisia, Algeria), South America ( Brasile), Usa, Uk, Spain, Switzerland, Greece, Lituania, Belarus, France, Belgium, Netherlands, Liechtenstein, Hungary, Austria. Inoltre ha lavorato in passato per alcune multinazionali di Trading come Indipendent Broker nel mercato fisico delle commodities legate alla produzione dell'acciaio, concludendo contratti Milionari, in particolare ricorda il contratto dell'Hms1 in Congo Brazzaville (Contract Value 12.5 Mln) all'età di 22 anni e l'operazione fallita del Venezuela da 90 Milioni di Dollari all'età di 23 anni , ha negoziato commodities in Paesi come Venezuela, Brasile, Libia, Congo, Costa d'Avorio. Sostiene il Liberalismo Economico e si definisce Liberalista, approfondendo temi scritti da John Locke, Adam Smith, Lord Acton, Von Hayek, Von Mises, conferma le due tesi di Lord Acton e cioè che il fine politico più alto sia la libertà individuale e che il potere tende a corrompere e che il potere assoluto corrompe assolutamente, odia i sistemi totalitari, difende la libera iniziativa ed è favorevole alle politiche di Deregulation. Ha fondato una start-up nel 2018 nella produzione di Cannabis Light basata sull'economia collaborativa per aiutare i Neet “not in education, employment or training, entro il 2020 lancerà online due Start-up basate sulla stessa teoria economica ma nel campo dell'energia e dei rifiuti, attualmente sono in Early Stage.

Alessandra Priante

Leggi di più

Alessandra Priante

Alessandra è Aquilana, di nascita e di cuore, ma sviluppa la sua esperienza di vita e professionale con orizzonti internazionali. Si diploma con eccellenza al classico e si laurea con il massimo dei voti in Bocconi, con una specializzazione in gestione delle imprese internazionali e una tesi sperimentale sulle strategie globali nel settore editoriale. Dopo una solida parentesi biennale in ABN AMRO come analista finanziaria in ambito corporate finance ed M&A, decide di provare a perseguire il suo sogno: coniugare le capacità e le competenze economiche e finanziarie con la sua vera passione: la cultura (musica, cinema e arte). Il suo impegno è ripagato quando Giuliano Urbani, nominato da poco Ministro, la chiama a far parte di una task force di rinnovo dell’assetto normativo, economico, strategico e culturale del sostegno pubblico al cinema. Alessandra nella task force assume il ruolo di Direttore dell’area studi, ricerche e responsabile della rappresentanza internazionale per la Direzione Generale del Cinema – MiBAC, contrattualizzata presso Cinecittà Holding SpA. In questo ruolo, Alessandra ha la possibilità di contribuire non solo allo sviluppo e all’implementazione della nuova legge cinema ma anche di creare, sviluppare e contribuire i regimi di incentivazione fiscale al cinema che ancora permangono con successo nella struttura del finanziamento pubblico al cinema. La sua abilità e visione strategica unitamente ad una professionalità scientifica e di contenuto fanno si che il lavoro di Alessandra sia apprezzato a tal punto da farle ricoprire incarichi di rappresentanza in tutte le lobby europee per il settore audiovisivo e la rendono un punto di riferimento per la presenza internazionale del governo in quello specifico settore. Governi, quelli a guida Silvio Berlusconi, che ne ascoltano le proposte strategiche, la valorizzano e infine la premiano con un incarico diplomatico di grande prestigio presso i Paesi del Golfo dove Alessandra va a promuovere - per 4 anni e con eccellenti risultati - la cultura italiana nel Golfo, con sede ad Abu Dhabi e responsabilità su altri 4 Paesi del Golfo. Nel frattempo l’Italia attraversa un periodo politico ed economico particolarmente sofferente e senza una vera leadership, cosa che le fa ritrovare, al suo ritorno in Italia, una situazione avvilente e con poche opportunità anche di mettere a frutto quanto di buono fatto con Paesi cosi strategici. Il Ministro della cultura Franceschini, riconoscendone comunque i meriti e le competenze innegabili, le chiede di occuparsi di tutte le relazioni internazionali e dei disegni strategici relativi al turismo, da poco assimilato all’interno del MiBACT come Direzione Generale. In questo settore Alessandra in poco tempo riporta l’Italia in posizione centrale in seno alle principali organizzazioni internazionali che si occupano di turismo, a partire dalle Nazioni Unite, OCSE ed Europa e riesce anche a dominare da un punto di vista scientifico e strategico le dinamiche economiche di settore, sviluppando chiare idee e visioni in merito al “da farsi” futuro. Su questa base, Alessandra inizia a collaborare con il Sen. Centinaio per la realizzazione del contributo del turismo al contratto di governo, seguendolo poi quando diviene Ministro per le Politiche Agricole, Alimentari, Forestali, sia per la migrazione della delega del turismo verso il Dicastero che poi con la funzione di Capo Ufficio delle Relazioni Internazionali e del Cerimoniale, posizione da cui diventa il punto di riferimento per la costruzione del nuovo Dipartimento per il Turismo. La consapevolezza che l’attuale situazione economica italiana necessiti di un intervento mirato, condiviso ma sostanziale, unitamente a tutte le competenze ed esperienze accumulate da Alessandra, hanno rinforzato e non spento la sua grande dedizione per l’obiettivo Paese.

Antonio Ragusa

Antonio Ragusa

Fabio Valerini

Leggi di più

Fabio Valerini

Avvocato e docente in materia di mediazione civile tiene conferenze sui temi della gestione dei conflitti pubblicando articoli su riviste scientifiche tra le quali Diritto e giustizia. L’impegno con 10 Volte Meglio nasce dalla convinzione che lo sviluppo del Paese passa da una buona formazione di base ma che continua durante tutta la vita. L’attività accademica, un dottorato di ricerca nell’Università di Roma Tor Vergata e un assegno di ricerca nell’Università di Pisa, hanno rafforzato la convinzione che solo la formazione e la conoscenza sono in grado di consentire a chi vuole innovare e investire di poter raggiungere i propri obiettivi in un contesto, però, che deve essere riformato anche dal punto di vista del rapporto tra amministrazione e cittadini. Centrale il suo interesse per i temi dell’innovazione tecnologica e sul valore e l’importanza dei dati personali e la tutela sui social media e in particolare per la tutela dei minori dove il suo interesse lo ha portato a ricevere il Premio Internazionale Cartagine 2018. Si occupa anche di aspetti di politica internazionale collaborando con la rivista di geopolitica Babilon.